ravioli_trenino.jpg

Il Trenino di Casella

Vieni a visitare il salumificio con il tradizionale trenino di Casella

Grazie al trenino di Casella è possibile raggiungere l'entroterra ligure per trascorrere una giornata nel verde delle colline alle spalle di Genova. Il trenino parte da Piazza Manin e attraversa la Valbisagno, la Valpolcevera e la Valle Scriva e raggiunge il capolinea di Casella.

La prima parte di persorso è particolarmente suggestiva a picco sul mare e sulla città. E' possibile raggiungere il pittoresco centro di Sant'Olcese clicca qui per visitare la pagina Un viaggio nei sapori della nostra azienda dove trovare tutte le informazioni sulla degustazione prodotti per una giornata tra antichi sapori e natura.

Per maggiori informazioni su orari e prezzi visita il sito www.ferroviagenovacasella.it


La Storia del trenino di Casella

Il progetto di questa linea ferrata prese vita agli inizi del 1900 quando si rese necessario un collegamento fra la città di Genova con l'Alta Valle Scrivia e Val Trebbia, fino a quel momento mal collegate al capoluogo. Dopo un primo tentativo avvenuto nel 1915 e fermato dall'avvento della Grande Guerra, sarà il 1920 che vedrà la Società Ernesto Breda
aggiudicarsi l'appalto di questi ardui lavori che iniziarono nel 1922: pur non essendo ancora completata l'elettrificazione della linea, il primo treno giunse da Genova a Casella il 24 giugno 1929, affidato alla trazione di una locomotiva a vapore, anche se il vero e proprio viaggio inaugurale avvenne il 1° settembre di quell’anno. Il primo "trenino" arrivò al vecchio capolinea ancora al di là del fiume, accolto dalla locale Banda Musicale, in una festosa domenica.

Fu subito un'innovazione ben voluta e utilizzata, ma venne sfruttata soprattutto durante la Seconda Guerra Mondiale, quando molte delle famiglie sfollate lo utilizzarono per raggiungere la città.

Il trenino può ospitare fino a 129 persone sedute e si muove grazie alla più antica locomotiva elettrica ancora funzionante in Italia, che risale al 1924. Le due carrozze attaccate al locomotore offrono un arredamento di altri tempi con sedute in legno e rifiniture in bronzo e ottone. La carrozza-bar, diventata tale solo negli anni Sessanta e ristrutturata nei primi anni Novanta fa parte ancora del progetto originario dell Breda e costruita nel 1929.

Alcune informazioni

Lunghezza del percorso 24 km
Tempo di percorrenza 60 minuti
Pendenza massima 45 ‰
Gallerie 13
Dati Altimetrici 93 m s.l.m. (Staz. Ge/Manin)
410 m s.l.m. (Staz. Casella)
456 m s.l.m. (valico Crocetta D’Orero)
Comuni attraversati 4
(Casella, Genova, Sant’Olcese, Serra Riccò)
Valli interessate 3
(Valbisagno, Valpolcevera, Valle Scrivia)

 

Privacy Policy